Responsabile aggiornamento scientifico del sito
Dott. Vincenzo Donadio

Segreteria amministrativa
PTS Roma
Provider ECM 1293

dal Lunedì al Venerdì
dalle ore 14:00 alle ore 18:00
c/o PTS congressi S.r.l.
Via Nizza 45, 00198 Roma
Tel. 06/85355590
Fax 06/85356060
E-mail: segreteria.sinc@ptsroma.it

Coordinatori

Coordinatori Gruppi di studio

Coordinatori Gruppi di studio

Neurofisiopatologia del pavimento pelvico

Coordinatore eletto: L. Motti
Coordinatore nominato dal CD: G. de Scisciolo

Il Gruppo di Studio si propone un programma di lavoro finalizzato al raggiungimento di obiettivi precisi:

  • Standardizzazione delle metodiche e definizione dei dati normativi.
  • Verifica dell’utilità delle singole metodiche nella diagnosi delle patologie del pavimento pelvico   
  • Costruzione di protocolli diagnostici neurofisiologici clinici utili nel processo diagnostico delle patologie del pavimento pelvico.
  • Costruzione di percorsi interdisciplinari (con urologi, ginecologi, terapisti del dolore, ...) relativi alla diagnosi delle patologie del pavimento pelvico
  • Verifica dell’effetto dei differenti approcci utilizzati nel trattamento dei disturbi del pavimento pelvico (chirurgia, neuromodulazione, terapia locale chemodenervativa, ...)

 

Neurofisiologia clinica intraoperatoria e dell’area critica

Coordinatore eletto: A. Grippo
Coordinatore nominato dal CD: P. Costa

Il Gruppo di Studio nasce nel 1998 con l’intento di approfondire il tema dei monitoraggi neurofisiologici intraoperatori;  nel 2001 l’interesse si estende alla Neurofisiologia in Terapia Intensiva, come naturale completamento ed evoluzione.
Finalità:

  • sviluppo ed applicazione di tecniche di NFC  in pazienti con disturbo di coscienza od in narcosi, in cui l’esame clinico è di utilità relativa o non effettuabile;
  • stesura di Raccomandazioni Cliniche e proposte di Studi Multicentrici relativi alle metodiche neurofusiologiche nel  paziente critico (fase acuta,fase protratta di alterazioni dello stato di coscienza), o nel corso di  interventi neurochirurgici o di altro tipo (di chirurgia vertebrale, vascolare)

 

Neurofisiologia pediatrica 

Coordinatore eletto: M.G. Natali Sora
Coordinatore nominato dal CD: V. Scaioli

In continuità con il lavoro precedentemente impostato, il Gruppo di Studio propone di impostare le attività del gruppo sui seguenti  tre livelli: connessioni inter societarie, valore del metodo e innovazioni in ambito clinico, diagnostico e di ricerca, mantenendoli come punti di riferimento cardine.

  • riteniamo  che uno stimolo alla crescita culturale del gruppo e della Società provenga dall’interscambio delle conoscenze con le discipline affini (neuropediatria,   neurologia e neurochirurgia, ecc);
  • pensiamo che solo su una solida base metodologica sia possibile sviluppare attività clinica di livello e qualificata, metodologia intesa come rigorosa applicazione delle procedure,  supportata da una solida conoscenza della fisiologia di base, clinica e fisiopatologica integrata;
  • si propone la neurofisiologica come elemento vitale di qualificazione delle attività cliniche e diagnostiche delle neuroscienze, dalla valutazione di terapie innovative alle sfide lanciate da impellenti esigenze come l’area critica e il monitoraggio intraoperatorio.

 

Sistema nervoso vegetativo

Coordinatore eletto: V. Provitera
Coordinatore nominato dal CD: V. Donadio

Il gruppo di studio è attivo dal oltre 20 anni nell’ambito della Società Italiana di Neurofisiologia Clinica. Il Gruppo svolge attività di formazione ed aggiornamento nei confronti dei Soci sulle tematiche relative alla fisiologia e fisiopatologia del Sistema Nervoso Vegetativo e sui percorsi diagnostici e terapeutici delle principali sindromi disautonomiche.
Questi obiettivi vengono perseguiti attraverso l’organizzazione di riunioni periodiche nell’ambito ma anche al di fuori del convegno nazionale SINC ed attraverso la promozione di studi multicentrici finalizzati alla conduzione di protocolli clinici e/o linee guida sui percorsi diagnostici e sulla gestione terapeutica delle principali patologie del Sistema Nervoso Vegetativo in ambito neurologico.

Neurofisiologia dell'emicrania e delle altre cefalee primarie

Coordinatore eletto: G. Coppola
Coordinatore nominato dal CD: F. Brighina

Il gruppo di studio nasce nel 2009 grazie ad un gruppo di ricercatori afferenti alla Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC).
Temi di divulgazione e ricerca principali riguardano la fisiopatologia della ricorrenza delle cefalee primarie e della loro cronicizzazione e potenziali applicazioni neurofisiologiche alla terapia. I meccanismi della plasticità ed eccitabilità corticale, dell’abituazione e sensitizzazione sono studiati tramite un approccio neurofisiologico multimodale che non trascura la neuromodulazione farmacologica e non, come la stimolazione neurale non-invasiva. Scopo ultimo è contribuire a ridurre la disabilità migliorando la qualità di vita dei pazienti.

Neuropatie traumatiche e iatrogene

Coordinatore eletto: P. Ciaramitaro
Coordinatore nominato dal CD: da nominare

TMS e neuroscienze

Coordinatore eletto: L. Leocani
Coordinatore nominato dal CD: M. Cincotta

Il gruppo di studio rappresenta un punto d’incontro e confronto fra coloro che si occupano di TMS e altre tecniche di stimolazione cerebrale non invasiva (NIBS). Obiettivo qualificante quello di trasferire l’esperienza e le conoscenze dei gruppi italiani di maggior tradizione e prestigio ai giovani che con interesse sempre crescente si affacciano a questo ambito della neurofisiologia clinica e delle neuroscienze. Altro obiettivo quello di promuovere studi multicentrici. Centrale è l’approccio traslazionale volto a coniugare le conoscenze acquisite dalle discipline di base con le applicazioni cliniche della NIBS.

Neurofisiologia del Movimento 

Coordinatore eletto: G. Vannozzi
Coordinatore nominato dal CD: P. Caliandro

Il Gruppo di Studio nasce dall’esigenza di promuovere collaborazioni e ricerche interdisciplinari inerenti lo studio neurofisiologico del movimento umano in un contesto clinico. Le attività del GdS saranno caratterizzate dalla tendenza ad integrare le competenze e le tecnologie proprie delle due Società Scientifiche fondatrici - la SINC (Società Italiana di Neurofisiologia Clinica) e la SIAMOC (Società Italiana di Analisi del Movimento in Clinica) – al fine di misurare in maniera multiparametrica l’atto motorio, i meccanismi neurofisiologici che lo sottendono e le relative modificazioni correlate all’evoluzione della patologia e/o al recupero funzionale. Inoltre il GdS intende favorire la conoscenza reciproca dei professionisti attivi nelle due Società e delle relative metodologie di analisi strumentale.

EEG ad alta specializzazione

Coordinatore eletto: S. Meletti
Coordinatore nominato dal CD: P. Manganotti

Il gruppo di studio ad alta specialita? si focalizza sulle metodiche ad alta tecnologia che un tempo molto limitate si stanno diffondendo nel sistema sanitaria nonostante la carenza di risorse.  Non si tratta solo di tecniche limitate a centri di ricerca ma di metodiche che possono trovare ampia diffusione e che comunque vanno gestite all'interno del sistema sanitario in centri di riferimento. Rimangono un capitolo di innovazione clinica, ricerca e contatto con le aziende informatiche e biomedicali. Obiettivo del gruppo e la diffusione, la discussione clinica e l'applicazione di tali metodiche nella pratica clinica.

Telemedicina

Coordinatore nominato dal CD: Dott. Giuseppe Stipa

La Telemedicina si sta diffondendo nella pratica Medica in vari settori. La Neurofisiologia clinica si gioverebbe di questa modalità di lavoro ma, attualmente, esistono difficoltà oggettive di carattere normativo-amministrativo e tecnico che ne ostacolano la diffusione. Il GdS sulla Telemedicina SINC, intersocietario con la Società Italiana di Telemedicina, si pone i seguenti obiettivi:

  • Redarre Linee-Guida nazionali in grado di definire la figura del “Teleneurofisiopatologo” che intende esercitare le proprie professionalità, diagnostiche e di consulto, anche a distanza.

  • Poter fornire ai Neurofisiopatologi che intendano operare anche da “remoto” supporto, sia tecnico che normativo.

  • Divulgare la pratica della Telemedicina, anche con l’ausilio delle esperienze maturate nelle diverse realtà italiane ove, fino ad ora, la Teleneurofisiopatologia è stata eseguita con metodiche tecniche ed autorizzazioni amministrative in via sperimentale.